Tecnico della Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare

Il Tecnico di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare è il professionista sanitario responsabile dei processi diagnostici e terapeutici a lui affidati utilizzando la tecnologia più avanzata in applicazione alla diagnostica non invasiva, al monitoraggio e al sostentamento dell’emodinamica e delle funzioni vitali nonché all’impiego di tecnologie di circolazione extra corporea, concernenti la diagnosi e la cura delle patologie cardiovascolari.

Svolge con autonomia professionale, culturale, operativa, giuridica e intellettuale, la gestione dei processi a lui affidati sia in condizioni critiche che di routine.

TITOLO DI STUDIO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE

  • Titoli equipollenti al Tecnico della Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare – Decreto 27 luglio 1998, n. 316;
  • Tecnico di Cardiologia – Decreto del Presidente della Repubblica 14 ottobre 1970, n. 1475;
  • Tecnico di Cardioangiochirurgia – Decreto del Presidente della Repubblica 15 giugno 1977, n. 769;
  • Tecnico di Fisiopatologia Cardiocircolatoria – Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162;
  • Tecnico di Angiocardiochirurgia – Perfusionista – Decreto 26 gennaio 1988, n. 30 del Ministro della sanità;
  • Tecnico di Cardiochirurgia – Statuto Università degli Studi «La Sapienza» di Roma – giugno 1978 (Statuto modificato dal decreto del Presidente della Repubblica 19 dicembre 1988, che ha soppresso la scuola speciale per tecnici di Cardiochirurgia e sostituita con la scuola diretta a fini speciali di Tecnici di Fisiopatologia Cardiocircolatoria):
  • Tecnico della Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare decreto 27 luglio 1998 n. 316 Ministero Sanità.

Nell’analisi del predetto elenco, non risulta contemplato:

  1. Il D.P.R. n. 889 del 28 Ottobre 1976 relativo ai Tecnici della Fisiopatologia cardiocircolatoria;
  2. Il titolo di “Tecnico di Fisiopatologia Cardiocircolatoria” già ritenuto valido per decreto della giunta regionale del 7 Agosto 1980 n. 406, a seguito del percorso di studi istituito con il “Corso tecnico teorico pratico per tecnici di fisiopatologia cardiovascolare” presso l’ospedale Civile di Udine, (nella regione autonoma del Friuli-Venezia-Giulia, DPR 902/75) ai sensi dell’Art. 2 della Legge 12/02/1968 n. 132 e dell’articolo 27/03/1969 n.128.

LUOGHI DI IMPIEGO

SALE OPERATORIE:

  • Cardiochirurgia
  • Cardiochirurgia Pediatrica
  • Chirurgia Toracica
  • Chirurgia Vascolare
  • Chirurgia Epatica
  • Chirurgia Oncologica
  • Chirurgia Ortopedica

CARDIOLOGIA:

  • Sale di Emodinamica-Elettrofisiologia
  • Ambulatori Ecocardiografia

COMPETENZE

TERAPIE INTENSIVE:

  • Cardiochirurgiche (post-operatorie)
  • Cardiologiche (scompenso cardiaco)
  • Rianimazioni generali (patol. respiratorie)
  • Rianimazione Neurochirurgia (Ecmo DCD)
  • Shock room pronto soccorso (ecmo)
  • Nefrologia (dialisi)

ASSOCIAZIONI DI RIFERIMENTO